Grandi Novità sull’assicurazione domestica per casalinghe

assicurazione casalinga

Importanti novità per quanto riguarda l’assicurazione domestica riservata alle casalinghe ed a tutte quelle persone che lavorano gratuitamente nella propria abitazione in ambito domestico. Infatti con la nuova legge di bilancio 2019 si sta andando a modificare anche questa tipologia di polizza che le casalinghe sottoscrivono ogni anno con l’INAIL per avere un’assicurazione in caso di infortuni avuti tra le mura domestiche.

Cosa cambia

Le modifiche rispetto alla precedente assicurazione per infortuni domestici si possono riassumere in:

  • abbassamento della soglia minima di invalidità raggiunta a causa di un infortunio domestico, per ottenere la rendita. Fino all’anno scorso la soglia era del 27%, con la nuova legge si abbasserà di più del dieci per cento, portando il limite minimo al 16% di invalidità;
  • introduzione di una tantum di 300 euro per invalidità accertate dal 6% al 15%;
  • estensione di due anni sul requisito per la richiesta della polizza. Infatti attualmente può sottoscrivere una polizza per infortuni domestici chi svolge un lavoro domestico casalingo ed ha età compresa tra 18 e 67 anni, in precedenza il limite era di 65 anni.

Premio aumentato

Per la polizza assicurativa delle casalinghe il costo del premio da pagare aumenta. Infatti si tratta di un corrispettivo da pagare di circa il doppio rispetto alla cifra che si doveva sostenere fino all’anno scorso. Stiamo parlando di un aumento da 12,91 a 24 euro netti.

Tuttavia, in attesa del decreto che sancirà definitivamente le modifiche della nuova legge, entro il 31 gennaio per la sottoscrizione della polizza per infortuni domestici dovrà essere versata la stessa cifra dell’anno scorso di 12,91 euro (da versare all’INAIL al bollettino postale sul conto corrente 30621049), che poi avrà un’integrazione (dopo l’emanazione del decreto) per il raggiungimento dei 24 euro previsti.

Per i soggetti che hanno un reddito lordo annuale personale minore di 4648,12 euro e sono in un nucleo familiare con reddito lordo non superiore a 9296,22, è possibile richiedere l’esenzione del premio da pagare, che in quel caso sarà a carico dello Stato.

Chi può fare la richiesta

Come detto, la richiesta adesso può essere fatta da persone maggiorenni di entrambi i sessi, fino ad un massimo di 67 anni. Oltre al suddetto requisito, il richiedente dovrà:

  • svolgere prevalentemente attività domestica non retribuita;
  • non essere un dipendente o lavoratore autonomo.

Anche gli studenti fuori sede che si occupano delle attività domestiche potranno effettuare la domanda. Inoltre, nello stesso nucleo familiare si può assicurare più di una persona, sempre rispettando i requisiti previsti.

Quando richiedere prestazioni economiche

Un infortunio è considerato infortunio domestico quando avviene tra le mura della propria abitazione di residenza, ma anche nella casa al mare dove magari si trascorrono le vacanze. Infatti l’assicurazione copre anche infortuni domestici avuti nei luoghi dove si passano le vacanze, a patto che siano in Italia.

Anche altre porzioni pertinenti all’abitazione, come terrazzi e giardini (anche se sono condominiali) sono comprese nell’assicurazione.

Se l’assicurato subisce un infortunio in uno dei luoghi domestici citati, può denunciare l’accaduto; lo potrà fare o direttamente in ospedale, oppure chiamando il proprio medico di famiglia. Durante la visita, dovrà essere esplicitato che si tratta di un infortunio avuto tra le mura domestiche e che si è assicurati per infortunio in ambito domestico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *